jump to navigation

Dubbio affascinante: forse l’Italia non era in declino, erano gli altri ad essere in crescita dopata 19 maggio 2010

Posted by deminvest in Beppe Grillo, economia, Giornali, Italiani.
Tags: , , , , , , , ,
2 comments

Antigrillo ama chi è in controtendenza. Non c’è coro più nutrito del coro dei lamentatori dell’indubitabile declino italiano.

Il dubbio

Oggi un articolo sul Sole24Ore mette in dubbio questo declino, soprattutto confrontandolo con i mirabolanti tassi di crescita di altri paesi. Per quanto riguarda il ragionamento sui “deflattori” usati per calcolare il PIL di Francia e Germania, non ho gli strumenti tecnici per verificare.

Sull’espansione economica dopata dei paesi anglosassoni, il ragionamento di Marco Fortis mi pare serio e ragionavole:

[…] dal 2001 al 2007 […] negli Stati Uniti il debito aggregato […] era aumentato di oltre 12mila miliardi di dollari correnti a fronte di una crescita del Pil di 3.700 miliardi, dunque con una leva non propriamente efficiente, pari a 3,4 dollari di debito per ogni dollaro di aumento del prodotto. (altro…)

Annunci

Informati Grillo: gli inceneritori moderni producono diossina in quantità trascurabili 27 maggio 2008

Posted by antibeppegrillo in Beppe Grillo, Ecologia.
Tags: , , , , , , ,
40 comments

inceneritore termovalorizzatore di Vienna

Beppe Grillo, che oggi scrive sui danni provocati dalla diossina emessa dai termovalorizzatori, dovrebbe anche verificare quanta diossina produce un inceneritore moderno.

Vediamo un po’ di dati:

  • Negli USA dal 1987 ad oggi la diossina prodotta dai termovalorizzatori è diminuita del 99.9%.
  • Oggi gli 87 inceneritori degli Stati Uniti messi insieme producono un totale di 10 grammi di diossina all’anno.
  • Per rendersi conto di quanto sono 10 grammi di diossina all’anno, possiamo confrontarli con i 560 grammi di diossina all’anno prodotta dalle stoppie bruciate nei giardini USA.
  • In Germania camini e stufe producono una quantità di diossina pari a venti volte quella prodotta dai 60 termovalorizzatori.

(altro…)

Ma perchè Beppe vuole sempre portare sfiga? 13 marzo 2008

Posted by antibeppegrillo in Beppe Grillo, borsa.
Tags: , , , , ,
41 comments

Beppe Grillo iettatore?

La figura ieratica di Beppe Grillo non si contenta più di lanciare le sue profezie di sventura su scala nazionale.

No.

Beppe globale prevede una crisi finanziaria terrificante anche nella più grande economia del mondo: quella americana. (altro…)

Grillo, ancora con il “sempre colpa degli americani” dei veterocomunisti 30 novembre 2007

Posted by antibeppegrillo in Beppe Grillo.
Tags: , , , , , ,
22 comments

Grillo, spesso sei incredibilmente moderno, ma non  oggi nel post “La guerra ai delfini di Capoverde“.

Come fai ancora, nel 2007, a scrivere vecchie frasi trite t ritrite come “le disgraziate popolazioni che devono ospitare gli armamenti del Sogno Americano” ?

Grillo, sono ormai 50 anni che gli imbecilli bruciano bandiere americane. Ti ci vuoi mettere pure tu?

Imbecilli bruciano una bandiera Americana

Grillo, non lo sai che senza gli sbarchi delle navi americane saremmo tutti nati schiavi di Hitler?

Grillo, non lo sai che senza le basi americane in Europa saremmo diventati tutti schiavi di Stalin e dei suoi degni eredi? (altro…)

Grillo, “Macchine di produzione dei candidati?” MAGARI!!! 15 ottobre 2007

Posted by antibeppegrillo in antipolitica, Beppe Grillo, partiti, Politici.
Tags: , , , , ,
10 comments

Certe volte Beppe Grillo sembra capire poco di politica.

Il suo Post di oggi “Chomsky e le macchine di produzione di candidati” da voce ad un importante professore di Linguistica del prestigioso MIT.

Il problema è che Chomsky descrive una situazione che, purtroppo, non ha assolutamente nulla a che vedere con la situazione italiana:

negli Stati Uniti infatti i partiti politici sono organizzazioni molto snelle, che si riuniscono per scegliere i candidati per le varie elezioni. In Italia invece i partiti politici sono immense e costosissime strutture stabili ramificate sul territorio, che hanno bisogno di enormi fonti di finanziamento. I partiti italiani sono sistemi di potere, spartizione, prelevamento delle risorse pubbliche e collocamento delle persone amiche nei posti chiave.

Grillo magari li avessimo pure noi dei partiti che si limitano a selezionare i candidati! Se li selezionassero, cercherebbero i più votabili, e forse certi inquisiti li lascerebbero a casa. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: