jump to navigation

Per una politica di parte 2 novembre 2013

Posted by fabrizio1964 in Beppe Grillo, Italiani, Politici.
trackback

Il risultato delle urne del febbraio scorso ha obbligato le due forze politiche protagoniste negli ultimi venti anni del bipolarismo italiano a governare insieme.

Le aspettative per un azione di governo forte, capace di incidere sulla crisi sono andate deluse a causa di un andamento al ribasso figlio del compromesso tipico delle nostre latitudini. La realtà è che per far ripartire il Paese bisognerebbe avere il coraggio di fare una sana politica di parte che un governo di coalizione come quello presieduto dall’on. Letta non potrà mai portare avanti!

L’Italia che produce, che ha guardato con speranza al centro-destra (vista la natura conservatrice della sinistra guardiana dei privilegi del proprio blocco sociale che è causa del debito pubblico più alto dell’occidente) , è alla ricerca di un interlocutore politico che abbia finalmente il coraggio di farsi garante di un programma di abbattimento della spesa pubblica e di rilancio della piccola e media impresa partendo, ad esempio, dall’idea “sociale” dell’equiparazione dei dipendenti pubblici con quelli privati.

Si può dire, si deve dire che è possibile che un dipendente pubblico possa perdere il lavoro, se non risponde a criteri di produttività, così come succede quotidianamente per chi opera nella piccola e media impresa privata: attualmente le imprese ed i cittadini pagano le tasse dirette ed indirette più alte al mondo non per aver garantita una migliore qualità dei servizi ma per mantenere lo status-quo di uno stipendificio pubblico infinito.

Si può dire, si deve dire che l’attuale esorbitante costo del lavoro è anche conseguenza di una organizzazione elefantiaca degli enti previdenziali che costano al lavoratore/contribuente 10 mld di euro l’anno in stipendi (nell’era dell’informatica e della digitalizzazione di qualsiasi documento!!!).

Si può dire, si deve dire che abbiamo un’organizzazione dello Stato che produce inefficenza e beneficici solo per chi ne fa parte.

Si può dire, si deve dire che la difesa dell’attuale costituzione serve a perpetuare privilegi di caste intoccabili, dal bicameralismo perfetto ad una magistratura che risponde solo a se stessa impermeabile a qualsiasi cambiamento.

Pertanto, visto il messaggio confuso del Movimento 5 Stelle sui temi economici (si può difendere la piccola e media impresa ed attaccare la Legge Biagi che rappresenta l’unica ancora di salvezza per artigiani e microimprese…..?

Si può auspicare demagogicamente la patrimoniale quando bisognerebbe drasticamente ridurre l’emorragia di risorse dal contribuente allo Stato per obbligare quest’ultimo ad una gestione da buon padre di famiglia ?

La subalternità del PD alla CGIL (la candidatura di Renzi a segretario è paragonabile a quella di Moratti a presidente del Milan…… vista l’impossibilità del sindaco fiorentino a piegare quel partito ad un percorso riformista Blairiano).  Bisognerebbe ripensare ad un centro-destra completamente rinnovato capace di portare avanti un programma decisamente di parte (quella dell’Italia che produce) molto poco politacally correct in cui prevalgano decisamente le posizioni di coloro che nel 1994 auspicavano una rivoluzione liberale. 

L’auspicio è che dalle macerie dell’attuale centro-destra, sancito dall’ennesima umiliante sconfitta elettorale in Friuli Venezia Giulia, possa emergere una nuova classe dirigente portatrice delle istanze di quella parte produttiva del Paese che non va più a votare ma che continua a sentirsi antitetica a questa sinistra italiana statalista tutta tasse e conservazione…..

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: