jump to navigation

La “Vittoria della Democrazia sul Capitalismo” di Grillo non sarà mica come quella della “Repubblica Democratica Tedesca”? 22 maggio 2012

Posted by antibeppegrillo in Beppe Grillo, economia, Giustizia, Italiani, liberalismo.
Tags: , ,
trackback
 Deutsche Demokratische Republik: una Democrazia che ha sconfitto il Capitalismo

Deutsche Demokratische Republik: una Democrazia che ha sconfitto il Capitalismo

Spero di aver capito male. Spero che Grillo abbia chiaro che:

  • Non esiste Democrazia senza Libertà
  • Non esiste Libertà senza Libertà economica, ovvero possibilità di scambiare cibo, beni e servizi liberamente.

Spero che la frase “E’ una vittoria della democrazia sul capitalismo.”, scritta ieri da Beppe Grillo, assuma nel suo contesto un significato diverso da  quello che appare.

Contrapporre Democrazia a Capitalismo porta solo a Democrazie senza Libertà, che sono finte Democrazie e finte Repubbliche, come la Repubblica Democratica Tedesca retta dai dittatori Ulbicht ed Honecker.

Dobbiamo temere di diventare una “Repubblica Democratrica Italiana” di stampo anticapitalista retta da Beppe Grillo?

Ci saranno i soldati di Grillo ai confini pronti a sparare a chi dovesse cercare di scappare dal paradiso di felice povertà ecologica vagheggiato da Beppe Grillo?

Ci faremo mancare la polizia segreta di Grillo preposta a spiare ed eliminare le “Spie Capitaliste” rimaste in Italia?

Annunci

Commenti»

1. Sergio Longoni - 22 maggio 2012

Per il momento vogliono solo decidere quali prodotti devono obbligatoriamente essere venduti nei supermercati e nella grande distribuzione. (dal programma del nuovo sindaco Parma)

2. Sergio Longoni - 22 maggio 2012

(Sembra si sia mangiato un pezzo del commento precedente)

Ecco quanto scritto nel programma del nuovo sindaco di Parma

“Obbligo per i supermercati di vendere prodotti alla spina per ogni categoria di prodotto e prodotti della liera locale per ridurre l’impatto dei trasporti e supportare l’economia locale.[…] Introdurre banchi per i prodotti last minute anche nella GDO”

3. antibeppegrillo - 22 maggio 2012

Sergio,

pare che stiano procedendo con una certa gradualità…

4. ila - 22 maggio 2012

Se il capitalismo è quello che mi insegnavano al liceo, cioè una corsa al guadagno sempre un po’ più alto di quello dell’anno prima, allora davvero spero che la libertà possa esistere anche senza capitalismo, e che i grillini abbiano visto giusto.

5. antibeppegrillo - 22 maggio 2012

Ila,

secondo me i benefici del Capitalismo e della produzione di ricchezza si possono capire bene osservando una delle conseguenze della loro assenza:

la differenza tra capitalismo ed assenza di capitalismo si traduce nel fatto che:

  • le donne rumene ed ucraine vengono a fare le badanti per aiutare le donne italiane
  • le donne italiane non devono andare a fare le badanti alle francesi.
  • Naturalmente questo vale anche per gli uomini italiani che non sono costretti a fare gli operai edili in Inghilterra per sopravvivere. Almeno così è per ora.

    Non è che noi Italiani siamo geneticamente migliori di Rumeni ed Ucraini, semplicemente loro sono usciti dal Capitalismo per 40 anni, mentre noi ci siamo salvati per pochi voti in un’elezione del 1948.

    Vogliamo provare a vedere se Beppe Grillo è più bravo di Lenin, Mao Tze Dong e Fidel Castro a costruire un’alternativa al sistema economico capitalista?

    Secondo me non ci conviene. Le probabilità che l’esperimento fallisca sono molto alte e chi punta a modelli utopici non si lascia cacciare facilmente quando le cavie sperimentali decidono che l’esperimento non funziona.

    Chi fa questi esperimenti generalmente tende a costringere la sua popolazione a seguire i suoi piani quinquennali. Per 40 anni almeno. Dopo forse i suoi successori capiscono che è il caso di lasciar perdere.

    6. lucayepa - 24 maggio 2012

    Purtroppo il primo assunto è falso. Asserisci che non ci sia democrazia senza libertá. Quello che succede in democrazia è che la maggioranza (o spesso anche una minoranza bene organizzata) comanda. E se la maggioranza non ha rispetto della libertá della minoranza, ecco che usa il potere per limitarne le libertá.

    7. antibeppegrillo - 24 maggio 2012

    Luca,

    in effetti è una cosa che può succedere, ma in maniera limitata e per periodi brevi.

    La libertà è un elemento fondamentale della vita delle persone. Inoltre la libertà porta al benessere economico. Perciò anche gli elettori poco sensibili al tema della libertà, finiscono per punire chi la riduce troppo, non per il fatto in se, ma per i suoi effetti collaterali.

    Le limitazioni della libertà che si vedono nelle Democrazie sono limitazioni minori, se confrontate con le limitazioni imposte dai regimi dittatoriale di qualunque colore.

    In Democrazia i cittadini finiscono per ricuperare la loro libertà sul lungo periodo perché possono votare con le schede elettorali o con i piedi spostandosi dove c’è maggiore libertà. In una dittatura le limitazioni della libertà durano quanto dura la dittatura stessa.

    Il difetto della Democrazia è che è l’unico sistema politico che prevede, all’interno del proprio ordinamento, la possibilità di suicidarsi.

    In Democrazia, la maggioranza può eleggere un dittatore e cambiare legalmente la Costituzione rendendola non più Democratica.

    Da questi suicidi legali della Democrazia sono nati regimi che hanno portato tragedie molto più gravi di un default del debito o una pressione fiscale troppo alta.

    8. Garb - 24 maggio 2012

    Da http://www.beppegrillo.it/2012/05/la_rete_non_deve_lasciare_soli_i_sindaci_del_m5s/index.html
    ora Grillo cerca “una persona con esperienza della gestione della macchina comunale per la carica di direttore generale al più presto. Incensurata, non legata ai partiti, di provata competenza.” Insomma un tecnico della politica, e slegato dai partiti. A parte la contraddizione in termini, il partito delle cinque stelle non era il cittadino comune che prende in mano il potere? Concordo che le premesse per una bella dittatura ci sono tutte, inutile sminuirle [è anche sminuendo qualsiasi problema che l’Italia è sprofondata nel baratro, dall’inizio] ma penso che ormai lo stesso Grillo stia mostrando tutte le falle di uno pseudomovimento fondato sul nulla, e parte della massa che lo segue ha ancora quel minimo di raziocinio per rendersene conto. Le contraddizioni ed i “lati oscuri” di questo nuovo che avanza autoleggittimandosi si stanno accumulando, è questione di tempo perché la cosa imploda su sé stessa. O almeno credo.

    9. antibeppegrillo - 25 maggio 2012

    Garb,

    Il guaio è che la vecchia politica sta dimostrando di non saper cambiare. In questo modo Grillo sembra l’unica possibile fonte di rinnovamento.


    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: