jump to navigation

Il nostro beneamato governo ha pensato anche allo stress dei poveri dipendenti di mamma azienda! 27 gennaio 2011

Posted by antibeppegrillo in economia, liberalismo.
Tags:
trackback

Per evitare che il povero dipendente sia soggetto a stress, il fortunato, pacioso e tranquillo imprenditore, dovrà affrontare con serenità, oltre ai soliti concorrenza globale, burocrazia asfissiante e fisco vampiro, anche un nuovo goiso obbligo in vigore dal primo Gennaio 2011:

http://www.corriere.it/salute/11_gennaio_16/stress-lavoro-faiella_5df9ff12-1fe5-11e0-aeb3-00144f02aabc.shtml?fr=correlati

Riassumendo dovrà:

1) trovare uno psicologo  in grado di predisporre strumenti per la misurazione dello stress in azienda
3) preparare i moduli antistress ed iscritto alla lista preparata dal generoso ministro Sacconi
4) riempire i suddetti moduli
5) scoprire a quale ufficio INAIL spedirli
6) mandarli via raccomandata RR
7) conservare copia del tutto in caso d’ispezioni

Il tutto per evitare sanzioni da 2500 a 6400 Euro:

http://www.corriere.it/salute/11_gennaio_16/stress-lavoro-obblighi-sanzioni_e0af70e2-1fe8-11e0-aeb3-00144f02aabc.shtml?fr=correlati

Il dramma è che non si tratta di uno scherzo. E’ tutto vero infatti:

«Rimane l’obbligo legale di proteggere la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, che ora si applica anche ai problemi di stress; quindi, con i medesimi controlli e stesse sanzioni»

Meno male che ci sono lo Stato ed il ministro Sacconi ad aiutare le aziende!

Che fortuna avere un ministro che, superando persino Beppe Grillo in demagogia, crea un nuovo inutile obbligo burocratico alle aziende. In questo modo togliamo ancora un pizzico di competitività alle aziende italiane… ma, come ricorda Noise From America, attenzione: il ministro Sacconi, proibisce alle aziende anche di avere difficoltà economiche, pena sanzioni pecuniarie. Infatti il suo decreto, tra le principali cause di stress da evitare ai dipendenti, inserisce anche:

“il senso di precarietà del posto di lavoro.”

Annunci

Commenti»

1. Ragno - 27 gennaio 2011

Sono stressato dal governo: a chi devo rivolgermi?

2. Che culo! Il nostro beneamato governo ha pensato anche allo stress … : Valutazione dei rischi da Stress Lavoro-correlato - 27 gennaio 2011

[…] Per leggere ancora, visita: Che culo! Il nostro beneamato governo ha pensato anche allo stress … […]

3. antibeppegrillo - 27 gennaio 2011
4. sax - 26 aprile 2011

Ciao antibeppegrillo! ogni tanto entro nel blog per leggere quello che scrivi ma ancora non capisco se ce l’hai personalmente con beppe grillo, travaglio, con la sinistra in generale, con dipietro e compagnia bella, ma nulla dici riguardo le vicende dell’utri, berlusconi, cuffaro e compagnia bella. Mi sembra chiaro che non sopporti la “demagogia” (parola più usata nel tuo blog), ma io preferisco i demagoghi piuttosto che i mafiosi. Che dici?

5. Antigrillo - 26 aprile 2011

Caro Sax,

Visto che annovero trai demagoghi di successo Mussolini ed Hitler, devo dire che temo i demagoghi quanto i mafiosi.

Dell’Utri ha avuto frequentazioni mafiose che, secondo me, lo rendono inadatto al governo.

Su Cuffaro mi pare che i magistrati hanno trovato poco, considerando il tentativo di condannarlo per associazione mafiosa e la successiva archiviazione. Cuffaro è stato condannato in appello a 5 anni per aver avvertito un suo assessore ed amico di stare attento perché era intercettato. Secondo me questa condanna non sarà confermata in Cassazione perché Cuffaro avrebbe potuto legittimamente credere che il suo assessore

Berlusconi secondo me non è un mafioso. Anzi mi pare che negli ultimi anni siano stati ottenuti migliori risultati nella lotta alla mafia che nei precedenti. Naturalmente posso sbagliarmi su Berlusconi come posso sbagliarmi sul barista sotto il mio ufficio o su chiunque altro.

Sarai sorpreso nell’apprendere che ce l’ho più con Berlusconi che con Grillo e Travaglio, perché Berlusconi è un bugiardo che aveva promesso una rivoluzione liberale, invece è diventato di il difensore di tutte le peggiori corporazioni.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: