jump to navigation

Le tre I di Beppe Grillo 8 maggio 2008

Posted by antibeppegrillo in Beppe Grillo, Italiani, partiti, Politici.
Tags: , , , , , , ,
trackback

Le 3 I della Moratti

Beppe Grillo sembra perfettamente d’accordo con i criteri ispiratori della riforma Moratti. Lo dice a modo suo, ovvero con improperi ed insulti vari, ma pare convinto del fatto che la scuola vada riformata puntando sulle tre I:

  1. Inglese
  2. Internet
  3. Impresa

Grillo sembra dunque d’accordo con l’impostazione della Moratti. Però Beppe nel suo Post un po’ delirante di oggi Grillo si indigna per gli scarsi effetti positivi, ma dimentica di dire che questa riforma, approvata tra il 2003 ed il 2004 è stata prontamente affossata dal successivo governo, il quale, avendo come unico collante l’antiberlusconismo, si è occupato principalmente di disfare quanto fatto dal governo precedente. Ecco il risultato, annunciato trionfalmente ministro Giuseppe Fioroni su Repubblica:

Cancellata di fatto la riforma Moratti

Io non sono un esperto di Pubblica istruzione. Non voglio entrare nel merito della riforma Moratti. Mi limito ad osservare che un paese in cui l’alternaza consiste nel disfare uno ciò che ha fatto l’altro ha scarse possibilità di andare avanti.

Auguriamoci che la trentacinquenne piuttosto inesperta Ministro Mariastella Gelmini sappia portare avanti il lavoro fatto da Fironi e dalla Moratti per dare all’Italia la scuola più moderna di cui ha bisogno. Lasciamo invece a Beppe Grillo i soliti vuoti improperi e le solite pessimistiche profezie di sventura.

Commenti»

1. Mirko - 8 maggio 2008

Alla citazione dell’antigrillo
“Lasciamo invece a Beppe Grillo i soliti vuoti improperi e le solite pessimistiche profezie di sventura.”
rispondo citando l’odiato beppe grillo
“Verso la catastrofe, ma con ottimismo.”
poichè “un paese in cui l’alternaza consiste nel disfare uno ciò che ha fatto l’altro ha scarse possibilità di andare avanti.”
P.s. Mai una volta che nei tuoi articoli ammetti di concordare col grillo, anche quando poi lo fai implicitamente nei commenti.Parola d’ordine:screditare Grillo a tutti i costi e con ogni mezzo eh? Non so cosa darei per scoprire cosa c’è dietro, cosa ti porta a metterci tanto impegno…

2. antibeppegrillo - 9 maggio 2008

Caro Mirko,

hai ragione, questo Blog pieno di contraddizioni è basato su una grande contraddizione di base:

Il mio amore – odio per Beppe Grillo.

Grillo è fantastico. Ha praticamente inventato un modo nuovo di fare politica. Grillo è un uomo onesto che pensa con la sua testa. Proprio a causa di queste sue qualità, mi arrabbio moltissimo quando Grillo vanifica tutto cadendo nell’improperio fine a se stesso e nel pessimismo cosmico Leopardiano.

Mi infurio quando Grillo demoralizza gli italiani esagerando la portata di problemi effettivamente esistenti

Impazzisco di rabbia quando Grillo toglie la speranza senza offrire nulla in cambio se non un assurda visione passatista fatta di mille stupidi No che porterebbero dritti al sottosviluppo, quello vero.

Nel caso specifico della scuola italiana, ho indicato un guasto del recente passato, ma anche una speranza che questa giovane donna ministro non cada nel medesimo errore di disfare quanto fatto prima di lei.
Non capisco perchè si debba negare la possibilità che una giovane donna possa far bene per la scuola italiana.

Ho l’impressione che Grillo inconsciamente auspichi la catastrofe che va profetizzando, per assurgere a salvatore della patria ergendosi sulle nostre macerie. Pero noi dobbiamo capire che quella che per un anziano miliardario (Grillo) può sembrare una prospettiva intrigante, per noi che sotto quelle macerie dovremo soffrire se non perire, è una prospettiva inaccettabile.

Se noi ci deprimiamo come suggerisce Grillo siamo perduti.

Già la nostra generazione (trentenni) è abbastanza depressa. Se ci fermiamo ad aspettare la catastrofe siamo rovinati. Noi ed i nostri figli. Dalla speranza e dalla voglia di fare nasce un futuro migliore per noi italiani che abbiamo molto più dei Cinesi o dei Polacchi, non si capisce perché dobbiamo stare a guardare il loro sviluppo deprimendoci come suggerisce Beppe Grillo.

3. Den Pulsante - 9 maggio 2008

Caro antigrillo, i miei complimenti più vivi per questo blog.

Quando ho visto un blog chiamato “antigrillo”, mi sono detto: “ecco, dalla padella alla brace, chissà quali aggressioni inutili, troverò nei confronti di Beppe Grillo”, pensavo di trovare lo stesso tipo di aggressività che trovo nel blog di Beppe Grillo, quel genere di linguaggio che incita allo scontro più che al confronto. Quel genere di linguaggio che rischia di segare le gambe ad un movimento (quello di Beppe Grillo) con ricchissime potenzialità ed unico nel suo genere.

Leggendo però i commenti e le discussioni di questo blog ho trovato uno spazio in cui io riesco facilmente ad identificarmi, uno spazio fatto di utenti che non ne possono più di essere insultati o essere indicati con decine di etichette dispregiative qualora qui su internet capiti di esprimere (anche solo una volta) opinioni proprie che non coincidono completamente con il pensiero di Beppe Grillo.

Lunga vita a Grillo e al suo movimento. Chiedo solo rispetto quando io non riesco ad identificarmi con il suo pensiero, quando credo che sia un errore profondo criticare a testa bassa chiunque, quando credo che sia un errore altrettanto vistoso pensare di essere gli unici dalla parte giusta.

Qualsiasi semplificazione della realtà italiana ha portato sempre e solo guai.

Benvenga il tono contenuto e dialogante che ho trovato nei commenti di questo blog.

Mi sono abbonato agli rss di questo blog, continuerò a seguirlo, quando avrò tempo lo commenterò e parteciperò alla discussione.

4. Il Sofista - 9 maggio 2008

ripeto il post prima che tu vada in vacanza nuovamente ahahahhaha
non volermene è una delle mie solite battutacce

@antigrillo

buon per te che riesci ad andare qualche giorno in vacanza, se si spende poco mandami l’indirizzo ahahahhaha….
per quanto riguarda i galantuomini personalmente farei una selezione naturale attraverso le conoscenze di ognuno, come sempre potranno sembrare discutibili ma resterebbero comunque propositive e darebbero ad ognuno di noi di conoscere meglio a chi permettiamo di governare questo paese…
es. Padoa Schioppa è un galantuomo? bene, si elencheranno i pro ed i contro…se ogni volta ci fermiamo su una frase detta fuori luogo forse è meglio che ognuno di noi si faccia un esamino di coscenza..

PS non puoi dare solo del distruttore a Grillo quando in più di un occasione hai condiviso le sue ragioni…

5. Den Pulsante - 9 maggio 2008

antigrillo, c’è un modo con cui possiamo contattarti privatamente? in questo sito non c’è neanche un email o un form per contattarti.

6. Anomalia Italiana - 10 maggio 2008

Intermezzo: la verità è molto più complicata della falsità?

Quasi 70 pagine Word di commenti censurati sul Blog di Beppe Grillo in tre stanze diverse e nel giro di poche ore !!!

La prima di tre stanze, i commenti spariti:

http://new-italy.net/beppe-grillo-censura/PROVE%20DI%20CENSURA%20BLOG%20GRILLO%20-%20Pulizia%20etnico%20sessuale.htm

PS: adesso provate a fare un conto … due anni di blog, centinaia di stanze, 24 ore di controlli … mai voi dove eravate?

7. Arvon - 15 maggio 2008

Ennesimo, doloso, spostamento dell’obbiettivo:

1. INGLESE: la maggioranza degli italiani non ha alcun interesse per la cultura, per il sapere, moltissimi parlano un italiano scadente e hanno un vocabolario limitato. Convinta com’è, questa maggioranza, che l’Italia sia il più bel paese del mondo e che l’italiano sia la più bella lingua del mondo (anche se non la conosce bene), non capisce perché debba sbattersi per imparare (o imparare bene) una lingua straniera.

2. INTERNET: la diffusione del computer in Italia è scandalosamente limitata, e non certo per ragioni economiche. La realtà è che moltissimi non lo ritengono uno strumento necessario (salvo che per il gioco e/o la pornografia). Inoltre, anche a causa del punto 1., non è in grado di imparare ad usarlo.

3. IMPRESA: per fare impresa bisogna avere un minimo di cultura, di interesse, di capacità di autonomia. Molti immigrati ci riescono, perchè gli italiani no?

Le 3 R (Realtà Realmente Reale) della situazione sono che è la stessa maggioranza del popolo italiano a non sentire il bisogno di quelle 3 “I”. Se così non fosse, a quest’ora avremmo una situazione molto diversa da quella in cui ci troviamo.

MA TUTTO QUESTO Grillo non lo dice, perché se lo dicesse i suoi beneamati adoratori lo manderebbero affanculo prima ancora che finisca di parlare…pardon…urlare. Grillo dice invece che la colpa è del governo, dei cattivoni, del tordo che tarda, NON del pooovero pooopolo condannato ad una vita (informativa) di stenti.

8. antibeppegrillo - 15 maggio 2008

@ Den Pulsante, come già sai, perché ti ho scritto in un altro post:
antigrillo@gmail.com

9. Valentino Roiatti - 30 giugno 2008

Una poesiola :
Beppe grillo miliardario
che c’azzecca col precario?

10. Valentino Roiatti - 30 giugno 2008

Beppe Grillo leader del moviemento popolarqualunquista danneggia la sinistra e giova assai alla destra.
Cone le sue firme il potere ci si puilisce il sedere.
Non si fa la rivoluzione vendendo cappellini e DVD e gridando vaffanculo.
Perchè parlo di destra e sinistra?
Perchè se le ideologie sono in parte superate gli schieramenti non lo sono per nulla.
L’ambientalismo sta a sinistra,
L’equità sociale sta a sinistra
La pace sta a sinistra
L’accoglienza e la solidarietàa stanno a sinistra
etc.etc.
E a destra cosa ci stà ?
Il privilegio intoccabile dei pochi
Mi si dimostri il contrario
Valentino Roiatti.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: