jump to navigation

Grillo, sempre più uomo politico, evita lo scontro con il Quirinale 26 dicembre 2007

Posted by antibeppegrillo in Beppe Grillo, indulto, Mafia, mastella, Politici.
Tags: , ,
trackback

La notizia:

“Roma, 24 dicembre 2007
Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dopo le segnalazioni ricevute sulle critiche condizioni di salute di Bruno Contrada, ha avviato la pratica di concessione della grazia.” (link)

La stessa notizia riportata da Grillo:

“Mastella non si ferma neppure a Natale. Ha chiesto la grazia per Bruno Contrada, l’ex dirigente del SISDE condannato a dieci anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Il presidente Napolitano ha trasmesso la richiesta ricevuta dall’avvocato di Contrada”. (link)

Bravo Grillo, bel modo di rigirare la frittata (la notizia)!

 Grillo rigira la frittata

Facciamo sembrare che l’iniziativa sia stata presa dal solito Mastella e poi giù pesante contro di lui per tutto il Post. Più facile prendersela con lui che con Napolitano. Vero Grillo coraggioso?

Annunci

Commenti»

1. Alessandro S. - 26 dicembre 2007

Innanzi tutto buon Natale (non scrvo ma ti leggo sempre ^^)
Grillo non fa altro che seguire il progetto politico futuro della sinistra.
Alla fine daranno la colpa di tutto a Mastella e a Dini riproponendosi con la solita frittata del PD…
Non che dall’altra parte le cose siano rose e fiori…
Ma io mi chiedo, è tanto difficile prendersi le responsabilità delle proprie azioni in Italia?
Io a volte rimango sconcertato come in questo paese, che “purtroppo” amo, non si riesca mai ad arrivare al responsabile. . in qualsiasi settore, dall’economia alla politica.
C’e’ sempre qualcos’ altro o qualcun’altro a cui poter dar la colpa o per lo meno dividerla…
Non pretendo il nipponico “scusate, ho sbagliato, mi faccio da parte.”, sarebbe un sogno, ma almeno un po’ di coerenza, o quantomeno una giustizia che metta di fronte alle proprie responsabilità. Non è possibile che (tanto per fare due esempi a caso) un Geronzi (appena nominato presidente di mediobanca) e un Tanzi siano a piede libero.

2. Mario - 27 dicembre 2007

ooops… Voi si che illuminate gli spiriti degli italiani… italiani poi… popolo di distratti, di lobotomizzati che piangono tutto il giorno ma che alla fine non alzano mai la testa per paura di offendere i padroni! E’ cosi che funziona vero?
L’Italia dei raccomandati, dei titoli di studio comprati, degli ospedali fatti da parenti dei parenti degli amici, degli appalti in bustarelle, dei concorsi truccati! C’ è che dice che al peggio non c’è mai fine e infatti la lista sarebbe troppo lunga, perchè non ci facciamo perdere nessun primato europeo sui rincari e sulle tasse….e ovviamente sugli stipendi più bassi.
E voi parlate di “POPULISMO” di Grillo…Già la parola: POPULISMO. L’avete cominciata a utilizzare da qualche tempo e si è irradiata come una moda fra i teenager, strumentalizzata fino a che, ovviamente, la gente non vi ascolta proprio più!
Si vede che voi invece di lavorare state al comodo tutto il giorno…ve la farei vedere io la vostra legge 30 (che non c’entra più un cazzo con la legge Biagi) dove i ragazzi devono lavorare senza mai perdere un giorno di lavoro sennò dritti a casa!! Vi farei lavorare in unbel posticino che conteggino tutte le pisciatine che fate durante il giorno, e magari (perchè no?) a 1000 eurini al mese con una pressione fiscale al 52%…oppala!!!
Adesso comiciate pure a pronunciare la parolina magica…forza …com’era?
ah giusto:POPULISMO.
Fottetevi. C’avete stancati un bel po voi altri con le vostre filastrocche che tra l’altro non sono più degne di nota in quanto la gente ormai la verità se la trova da sola.
Quindi fateci un piacere.
FUORI DALLE BALLE PLEASE.
I veri Italiani fanno senza dei vostri POPULISTICI discorsi a favore dei dirigenti papponi!
Vi saluto…e mi raccomando…non spendete subito la 13esima….sono previsti altri rincari dai tuoi amichetti.

3. DAVIDE FERRON - 27 dicembre 2007

AVETE RAGIONE L’ITALIA VA MALE PER COLPA DI BEPPE GRILLO.

RENDIAMO ILLEGALI I COMICI, COSI’ L’ITALIA SI SALVERA’.

MORTE AI COMICI

4. Roberto Cusinato - 27 dicembre 2007

Salve a tutti.
Ho letto solo questo post, per fortuna. Il tono di questo è a mio avviso un buon campione del contenuto dei precedenti e dei successivi.
Quindi non leggerò più da questo blog.
Voglio però esprimere un commento, come mi è consentito.

Bruno Contrada è stato riconosciuto colpevole di “collusioni con la mafia”.
E’ questo è tanto più grave quanto per il fatto che era un funzionario dello stato. E’ stato messo in galera. Deve restarci.
Non mi importa nulla della sua salute, della sua famiglia e di null’altro. Mi importa che quando arriva a casa, alzerà il telefono e chiamerà qualcuno dei suoi vecchi “amici degli amici”, e questo potrebbe mettere in pericolo la vita mia e/o della mia famiglia.
Perchè storia insegna che quando i poteri vogliono reagire e seminare confusione, terrore e distruzione, non sono secondi a nessuno.
E quando colpiscono, paga sempre e comunque la gente comune.

Qualcuno poco tempo fà, su un mio commento di natura simile mi ha definito “un forchista”. Bene. Lo sono.
E lo sono tanto più in funzione di quanto sento da conoscenti e amici, in merito all’inarrestabile crescendo di frustazione e insofferenza nei confronti dei nostri poteri statali.
Voglio dire una cosa che sono certo si dimostrerebbe confermata da un sondaggio popolare, o (volesse Iddio) un referendum: se agli italiani fosse chiesto , voterebbero “per” la pena di morte.
Ci sarebbero tutte le sfumature del caso, certamente, come in perfetto “italico” stile. Assisteremmo ad un perfetto caleidoscopio di proposte, commenti, critiche, come ad un capodanno pertenopeo.

Ma gli italiani vogliono “liberarsi” definitivamente di alcuni pericolosi elementi, e non vogliono e non vorrebbero MAI che la loro incolumità o quella dei loro cari fosse messa a rischio, da un casuale incontro con un elemento qualsiasi tra i tanti assassini, malviventi o peggio che abbiamo “l’onore” di annoverare tra i nostri connazionali.

Io sono un forchista. E lo dico serenamente, ma innalzandomi in punta di piedi.

ps: Nel mio commento, ho volutamente scritto alcune parole con l’iniziale minuscola, in permanente segno di protesta. L’italia mi disgusta, così com’è, e concordo con Beppe Grillo; è quella di Napolitano o di altri della sua risma, assolutamente non è la mia.

5. Vincenzo Talarico - 27 dicembre 2007

Ciò che mi sconvolge ogni volta è che esistano persone come voi che avete messo su questo blog. Ma chi vi paga? Veltrusconi ed il suo PDue o Berltroni ed il suo Pdl (Piede Libero) ? Oppure vi siete professionalizzati al punto che prendete soldi da tutte le parti?
Ma non vi vergognate di esistere? Non avete un minimo di amor proprio, un barlume di onestà intellettuale, un recondito desiderio di libertà e democrazia? Se volevate servire i padroni in un modo così osceno, non facevate prima a calarvi direttamente le braghe?
Con tutta sincerità, i preti pedofili, i commercianti di organi umani, i carnefici di mafia ed i politici collusi e corrotti, fanno molto meno schifo di voi, prostitute dell’informazione!

6. Louis - 27 dicembre 2007
7. priedavat - 27 dicembre 2007

Non vi era un commento qui, prima?

8. Antigrillo - 27 dicembre 2007

@Vincenzo,
ma come puoi pensare che qualcuno sia così idiota da pagare uno come me per scrivere quattro cavolate che leggono in 20? Davvero il vostro complottismo assume connotati comici.

Quasi quasi vi do retta e mando una mail alla CIA. Magari mi pagano qualche milione di dollari tratti dai fondi neri per continuare a scribacchiare le mie cavolate online.

9. priedavat - 27 dicembre 2007

Beh, nel caso farest cosa buona e giusta, nel mio modesto parere.

10. antibeppegrillo - 27 dicembre 2007

@ Alessandro,

Purtroppo il “dagli all’untore” di Manzoni è sempre stata un’attività prediletta da molti Italiani.

Oggi l’untore è Mastella. Meglio attribuire a Mastella un’iniziativa di Napolitano, così gli animi s’infiammano e non ci si mette contro la Presidenza della Repubblica.

Anche i commenti di Mario, Davide, Roberto e Vincenzo attaccano me per aver detto una semplice verità (la proposta di grazia a Contrada viene da Napolitano), ma non osano criticare Grillo per il tentativo di sviare l’ira dei Grillini verso un falso bersaglio.

11. antibeppegrillo - 27 dicembre 2007

priedavat, a che commento ti riferisci? Dici quello di Louis? WordPress lo aveva inserito nella cartella “Probably Spam”. L’ho marcato come buono, anche se tutti quei link mi fanno credere che il programma di Blog avesse ragione.

12. freesud - 27 dicembre 2007

E adesso graziamoli tutti. Contrada favorì la mafia. Punto.

staff freesud

http://www.riberaonline.blogspot.com

13. monica demuro - 27 dicembre 2007

siete i soliti ipocriti, ormai si ha pieta’ per gli assasini non per le vittime, ormai chiunque puo’ togliere la vita ad un altra persona e avere altissime probabilita’ di restare impunito o, graziato , o indultato
vergogna !
contrada crepi in carcere e tolga il disturbo al piu’ presto. non ha avuto nessuna pieta’ per gli atti criminosi che ha commesso e per le vittime che ha causato .
lo vogliono salvare per pararsi il c…

14. priedavat - 27 dicembre 2007

Mah, ti fa pubblicità il buon Louis, non volergli male solo perchè cerca la catfight.

15. Tomez - 27 dicembre 2007

w il catfight. Magari da argomenti degni di essere asciltati. Al contrario di bambini che giocano al :”ho ragione io no io no io no io…”

16. Tomez - 27 dicembre 2007

ascoltati scusatemi *

17. antibeppegrillo - 27 dicembre 2007

@ Louis e Tomez,
non riesco a commentare il vostro Blog
http://inquinando.blogspot.com/2007/12/esiste-un-dio-nellinternet.html
potete abilitarmi?

18. antibeppegrillo - 27 dicembre 2007

@ priedavat, che è la catfight?

19. priedavat - 27 dicembre 2007
20. Louis - 27 dicembre 2007

credo che ora potrai. [clicca su “n commenti”]

Non volevo spammare, anzi, ti faccio pubblicità. Ma se spiace togli pure tutto il commento e amen.

21. Sacco e Vanzetti - 27 dicembre 2007

Contrada e questo BLOG ha lo stesso valore dello sterco del mio amato cane.
Mastella invece vale MOLTO meno
Buon Anno

22. antibeppegrillo - 27 dicembre 2007

@ Louis, scusami, l’Antispam di WordPress aveva visto tre link in poche righe e lo aveva marcato come Spam, inducendo anche me allo stesso errore.

Ora ho visto il tuo Blog, ritengo i link molto interessanti e li lascio volentieri, perchè assolutamente pertinenti.

Scusami ancora ed Auguri di Buon Anno!

23. antibeppegrillo - 27 dicembre 2007

@ Sacco e Vanzetti, ma come proprio tu che prendi come i nick due persone condannate a morte per un errore giudiziario, poi insulti Bruno Contrada con assoluta certezza della sua colpevolezza.

Sacco e Vanzetti, lo sai che Bruno Contrada è stato assolto con formula piena in appello nel 2001?

Lo sai che questa sentenza è stata poi annullata dalla Cassazione portando alla ripetizione del processo d’appello conclusosi con una condanna, questa volta definitivamente dopo la conferma in Cassazione?

Lo sai che tutto il processo è stato basato su dichiarazioni di pentiti di mafia?

Lo sai che il reato per cui è stato condannato Contrada, il concorso esterno in associazione mafiosa, non è previsto dal codice penale?

Lo sai che si tratta di un reato che nasce dalla giurisprudenza sulla base di un vuoto legislativo colmato da sentenze della Cassazione?

Probabilmente Contrada è colpevole, probabilmente ha aiutato la mafia contro lo stato che egli doveva difendere, ma il fatto che è stato assolto con formula piena da una corte d’Appello, dovrebbe lasciare almeno un minimo dubbio che ci sia stato un errore giudiziario.

Io questo minimo dubbio lo ho. Tu che ti firmi Sacco e Vanzetti, forse dovresti coltivare anche tu un po’ l’arte del dubbio sulle condanne.

24. Pautasio - 28 dicembre 2007

Contrada non è colpevole. Contrada è vittima delle menzogne di qualche “non del tutto pentito” che, anche da “non più uomo d’onore” voleva comunque levarsi qualche sassolino dalla scarpa contro un servitore dello Stato che, ai suoi occhi, restava sempre e comunque uno “sbirro infame”.
Sono state prese per buone le accuse dei pentiti contro di lui (non c’è altro, contro Contrada, se non questo), anche se poi smentite, e anche in maniera assai più circostanziata delle accuse, da fior fior di investigatori. E, a mio parere, sono state prese per buone semplicemente perché altrimenti avrebbe rischiato di perdere credibilità tutto l’apparato dei collaboratori di giustizia, che aveva finalmente consentito alla magistratura di demolire la Cupola dall’interno. E, così facendo, si sarebbe corso il terribile rischio di dover vedere crollate anche le accuse e le prove più importanti contro i mafiosi veri. Un rischio che nessuno voleva correre, specie in un periodo storico in cui era assolutamente necessario e imprescindibile colpire forte, e colpire duro, senza pietà il fenomeno mafia.
Contrada, dunque, era una pedina sacrificabile alla ragion di Stato. Un innocente in galera per permettere di tenerci dentro anche 100 colpevoli.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: