jump to navigation

Liste civiche di Grillo: impressioni a caldo e primi dubbi 10 ottobre 2007

Posted by antibeppegrillo in Beppe Grillo.
Tags: , , ,
trackback

Finalmente Beppe Grillo ha pubblicato requisiti ed impegni per appartenere alla liste civiche che riceveranno il Grillo Bollino. Due aspetti mi lasciano davvero perplesso:

A) Vedo un problema operativo nella verifica dei requisiti. Per rispettare la privacy, i partiti non comunicano le liste dei propri iscritti, perciò è impossibile verificare il requisito 1) di Grillo. Per quanto riguarda il 2) non tutti i dati sui procedimenti penali sono pubblici. L’impossibilità di verificare oggettivamente questi requisiti potrebbe portare ad una miriade di delazioni, sospetti ed accuse tipo… Tizio: “Io ho visto Caio al congresso del partito della bistecca!”. Caio “Io non c’ero, forse hai visto qualcuno che mi somigliava. Ma se tu hai visto lui, allora tu c’eri!”

B) Molto più grave è il vincolo sull’impegno 3) che, vietando alleanze con altri partiti non grillici, obbliga tutte le liste civiche di Grillo a puntare sull’ingovernabilità. Davvero non si capisce come possa giovare all’Italia un impegno così palesemente assurdo!

Annunci

Commenti»

1. Michele Poletti - 10 ottobre 2007

La mancanza di fiducia nella volontà della gente di voler cambiare qualcosa ha già fatto cadere precedenti governi, ridicolizzato chi non aveva capito il disagio della gente. I populisti sono quelli che leggono la stampa italiana o che guardano trasmissioni come porta a porta senza reagire. Ma si sa che ad alcune persone fa piacere essere schiave e sottomesse

2. Davide - 10 ottobre 2007

Non mi riconosco piu’ in questo modo tutto italiano di dividere tra nero e bianco.Politica-Antipolitica, Grillo-Antigrillo, Destra-Sinistra.
Non devo pensare all’elefante.

3. antibeppegrillo - 10 ottobre 2007

Sì Davide, lasciamo in pace la zanzara!

4. Davide - 10 ottobre 2007

Eeheheh e anche Orwell magari.

5. Valerio Arcuri - 10 ottobre 2007

Se Grillo non esistesse, non esisterebbe nemmeno questo sito.
Non ti sembra che occuparti di fare critiche al solo Beppe Grillo che a sua volta critica ogni cosa che va male, (dando nella maggior parte dei casi anche soluzioni alternative) o che critica il sistema dei poteri forti che crea con la sua prepotenza ed arroganza, esclusivamente interessi per i propri interessi e non quelli della collettivita’ ? Non sarebbe piu’ opportuno e costruttivo metterti a criticare le storture che non vanno nella vita di tutti, tutti i giorni, cercando di trovarne le cause come fa Grillo, piuttosto che criticare Grillo, che nato come comico sulle malefatte dei politici, si accorge di avere ragione, (vedi sua elimiziane dalla Rai, etc etc) e continua a cavalcare questa onda, x i suoi interessi, ma dimostarndo che i suoi interessi trasversali (fare spettacoli) coincidevano con quelli che erano i veri problemi della gente, (vedi tutte le lotte da lui intraprese). ed infine ho due quesiti da chiederti,1) perche’ sei solo “Antigrillo” e non hai un tuo nome e cognome? 2) Perche’ non provi tu a dare delle risposte al padre precario con 3 figli piccoli, e la moglie precaria col tuo sito di Antigrillo?
P.S. Nessuno e’ perfetto, Grillo compreso.
Perche’ non sei nato come Anti berlusconi, o come Anti prodi, o come anti Bossi, o come ANTI (altri 930 parlamentari) che sono stati votati (si fa x dire) dal popolo x risolvere “LORO” i problemi degli Italiani, e non chiedi a loro di rispondere al tuo padre di famiglia precario con moglie precaria e 3 figli piccoli?
Smettila di fare l’antigrillo e sii te stesso, no l’anti qualcuno. e poi fatti riconescere. per quel che ne so potresti essere anche Clemete Mastella travestito da buffone. Ciao

6. antibeppegrillo - 10 ottobre 2007

Valerio, cercare di confutare un argomento attaccando chi lo ha proposto è un errore logico.

Si chiama “fallacia ad hominem”. Consiste nello smentire un’affermazione o un’argomentazione attaccando la persona che ha fatto l’affermazione o l’argomentazione invece di confutare gli argomenti che questa persona ha esposto.

http://it.wikipedia.org/wiki/Ad_hominem

7. Stefano - 10 ottobre 2007

Di questo passo ci troveremo dei blog di anti antigrillo e di anti antiantigrillo… vi conviene unirvi in 2coop diverse e suonarvele e cantarvele.

8. Valerio - 10 ottobre 2007

Pero’ non hai risposto a nessuna delle mie domande. e poi mi pare che anche tu fai la stessa cosa con Grillo.

9. antibeppegrillo - 10 ottobre 2007

Valerio,

ti avevo risposto dicendo che eri fuori tema. Non hai minimamente accennato all’argomento di questo Post, ovvero ai requisiti e richieste per ottenere la certificazione di Beppe Grillo per le liste civiche. Pensavo che attaccassi me perché ti mancavano gli argomenti per rispondere alle mie critiche ai requisiti di Grillo. Ora mi rendo conto di averti frainteso. In realtà a te interessa sapere perché sto combinando tutto ciò, mentre probabilmente sei meno interessato alle liste civiche. Cercherò di risponderti il più apertamente possibile, anche se le tue non sono domande facili.

1) Sono Antigrillo perché scrivo per puro hobby. Non sono né un politico, né un giornalista. Non ho scritto libri e non faccio spettacoli a pagamento. Visto che non ricavo e non ricaverò mai nessun beneficio da questo Blog, non voglio nemmeno affrontare eventuali fastidi derivanti da esso.
Il mio nome e cognome sono sull’elenco del telefono. Ho figli molto piccoli e non voglio ricevere telefonate a casa da qualcuno che non è d’accordo con quello che ho scritto. Avrai visto che i toni sono spesso piuttosto accesi, quindi capirai perché non ho voglia di essere contattato o contestato, se non tramite il Blog.

Avrei potuto mettere un Cognome di fantasia. Lo fanno in molti, ma ritengo più onesto scegliere uno pseudonimo invece che mentire.

2) Qualche risposta cerco di darla partendo dai Post di Beppe Grillo. Non sono uno scrittore né un politologo. Riesco a scrivere solo se stimolato. Ebbene Beppe Grillo ha un’enorme capacità di accendere passioni. I suoi post mi danno un’incredibile voglia di dire la mia. Ho provato a postare commenti sul suo sito, ma finivano in un caos informe. Non riuscivo a vedere se qualcuno mi aveva risposto, così ho voluto fare il Grillo parlante del Grillo ufficiale. Devo dire che mi sto divertendo.
Le mie risposte sono in un approccio più liberale di quello che ha tenuto per ora Beppe Grillo. Gli direi che un approccio riformista liberale potrebbe rimettere il paese in carreggiata e fargli recuperare i livelli di crescita economica di paesi come la Spagna e l’Irlanda che fino a pochi anni fa erano dietro a noi in tutte le statistiche. Gli direi di lottare per avere meno tasse, ovvero più soldi per se e per la sua famiglia e meno per i politici ed i loro amici.

10. Pensa alla salute - 10 ottobre 2007

Tu sei esaurito, fatti curare e se hai coraggio, pensa a qualcosa di costruttivo e non solo a criticare.

11. antibeppegrillo - 10 ottobre 2007

@ Pensa alla salute,

guarda che è la stessa cosa che dicono i Politici a Grillo:
“pensa a qualcosa di costruttivo e non solo dire V.”

Grillo critica i Politici. Io critico lui e loro. Tu invece critichi me, pero lo fai a priori, senza affrontare gli argomenti in discussione.

12. Stefano - 11 ottobre 2007

Quali sarebbero scusa le tue proposte? Fare come Spagna e Irlanda che vanno bene e diminuire le tasse? Me lo vedo antiGrillo all antiv-day “copiamo da chi è meglio di noi” e “abbassiamo le tasse”.
Io sono d’accordo, poi “siate tutti più buoni” e “vogliamo la pace nel mondo” mi sembrano i passi successivi, prevedo un successone! 🙂

13. Daniele - 11 ottobre 2007

Chiacchericcio…

come si può ascoltare una persona che esiste solo come ANTI di qualcosa?

14. Antigrillo - 11 ottobre 2007

Stefano a te sembra ovvio dire abbassiamo le tasse e copiamo da Spagna ed Irlanda che lo hanno fatto, ma in realtà Grillo questo non lo ha detto ancora.
Per ora Beppe Grillo s’illude di riuscire a moralizzare la classe politica italiana con i due mandati parlamentari e cacciando i 24 (su 945) parlamentari che compongono la sua lista. Mani Pulite ne ha tolti di mezzo molti di più, ma non è riuscita a moralizzare più di tanto. Una buona metà delle persone portate in Parlamento ed al governo da Berlusconi, prima non facevano i politici (lavoravano per lui). Eppure nemmeno da lì è venuta una grossa moralizzazione.
Allora? Allora bisogna fare come in Spagna ed in Irlanda. Lo Stato va ridotto, diminuito. Bisogna lasciare più risorse a chi produce. Lo Stato deve uscire dai settori in cui la sua presenza non è necessaria, deve aiutare solo che ne ha veramente bisogno. Bisogna togliere ai politici la possibilità di distribuire a se stessi ed ai propri amici la metà della ricchezza nazionale.

15. Stefano - 11 ottobre 2007

Ho capito, ho capito, praticamente se ‘ste cose le dice grillo non vanno bene perchè hai l’mpressione di averle pensate prima te…
Scusa, forse esagero…. hai scritto che nel blog c’è un gran casotto e che facendo questo hai una voce anche tu, rispetto la tua scelta ma sono cambiate alcune cose nell”altro”, ad’esempio a meno che non dai della batt..na a qualcuna non cancellano il commento, si può solamente consigliare la cancellazione ma se rispetti le regole non ci sono problemi.
Allora discutine con la controparte come sto facendo io, sennò a che ti serve scriverle solo quì?
Io ho l’impressione che a te piacerebbe il cambiamento che si aspetta la gente che si è esposta grazie al comico Grillo ma ti da fastidio che sia lui a fare “l’eroe” e lo critichi. Guarda, a me Grillo piace da parecchio anche se non condivido in pieno tutte le cose che ha detto, mi piace come comico e come giornalista perchè fa il lavoro dei giornalisti veri. Ovviamente interpreta a suo modo le Indagini che fa, il problema è che come le iene, striscia, la Gabanelli, Santoro, sono le uniche voci sensate in questo mondo televisivo falso, che tifa a dx o a sx o nasconde semplicemente le notizie. Io sono per questa difficoltosa informazione seminascosta che mi dice che mastella ha degli scheletri nell’armadio, che il tronchetto fa(ceva) quello che vuole della ex sip con 4 azioni e che lo fa perchè alcune intercettazioni hanno creato dossier per cui tutti sono ricattabili, che i politici legiferano da condannati e i carabinieri devono essere incensuratissimi ecc.ecc.
Io sono stanco di essere preso per fesso dal governo e poi dall’opposizione, vorrei andare contento a votare come non avevo mai provato prima, come l’8 settembre mi è successo. Se critico Grillo perdo tempo, lui ha le sue idee, se non mi sta bene lo ignoro, mi cerco un’alternativa a cui spazzare il cammino. Oppure se per me è l’alternativa Grillo lo seguo e cerco di informarmi.

Se voglio cambiare qualcosa. altrimenti ci sono le primarie…..

16. antibeppegrillo - 11 ottobre 2007

nooo le Primarie no!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: