jump to navigation

Commenti»

1. daniele - 2 ottobre 2007

L’ho sempre pensato e scritto sul suo blog.

Segnalo anche qui una discussione in tema: http://www.macvillage.it/forum/viewtopic.php?t=2712

2. ventoaltraverso - 2 ottobre 2007

OT: ci voleva un vero antigrillo. Sono stanco di sentire la marea di idiozie che spara.

A volte dice il vero, parla per giusti principi, ma anche lui si è fatto prendere dal delirio dell’onnipotenza e a volte parla veramente a casaccio, giusto per protestare, e c’è chi ci casca sempre…

Scopro solo ora questo blog, ma recupererò il tempo perso!

3. globali - 2 ottobre 2007

Certo la colpa non è di Grillo. Anche se non sembra fare nulla per cambiare rotta. Anzi, la mia sensazione è che il suo blog si stia sempre più trasformando in una specie di “striscia la notizia” del web. Un luogo catartico in cui la “gente” trova uno sfogo a frustrazioni e insoddisfazioni. Ma un luogo in cui solo il “padrone del microfono” decide chi può parlare e chi no, chi può accusare e chi può essere accusato. Questo è assolutamente legittimo, ma non è “new media”: è la solita, vecchia comunicazione unidirezionale.

4. Prandini claudio - 2 ottobre 2007

Non vedo dov’è il problema, se non vi va come è fatto un blog, fate a meno di visitarlo e non giudicate chi e come lo frequenta o lo gestisce.

Semplice no?

5. globali - 2 ottobre 2007

Scusa Claudio, ma perchè non dovrei giudicare Beppe Grillo e chi frequenta il suo blog? Sono un fenomeno pubblico e politico, che tra l’altro occupa il dibattito pubblico da qualche settimana…

6. Rosmary - 4 ottobre 2007

Discutere, relazionarsi, proclamare dati certi o fasulli, ma non vi rendete conto del continuo bla bla bla che non conduce a nulla? E intanto la gente si affama,si dispera, e cosi via..
Tutti che si proclamano difensori della giustizia senza alzarsi dalla sedia.. Si, La soluzione? L’unità, che non si idealizza nelle piazze ma costa impegno e sacrificio, non illuderti, in Italia non esiste più. Qualcosa si muoverà, un contentino x la folla inferocita, qualche martire si sacrificherà per tutti, ma nulla di più.
Leggevo in post, se non ci fosse Grillo… ma per carità che punto di riferimento x la vita, ma chi era una gallina nella vita precedente :-)? Non ci siamo arrivati tutti a capire cosa succede? E’ solo uno che grida, non è Dio! E si fa pagare per farlo.Comè che tutti sti Grillini che oggi si accodano non si sono svegliati prima? Ci voleva un pagliaccio per evidenziare i vostri pensieri? E cosa pretendiamo poi che faccia poverino, è solo un comico… non un cittadino, comodo ,no? Ah ah …Abbiamo spolverato casa buttando la polvere sotto il tappeto?
Di concreto qui c’è solo il fatto di sopravvivere, e per chi vuole di più, non è questa la nazione, o forse non è il pianeta!
Ma secondo voi quante “persone” ci sono che si esprimono in quel blog?
Allucinante e di cattivo gusto per certi versi, un vero festival dell’odio!
Mah, fortuna che altrove c’è ancora qualcosa di positivo…

7. enrico bonacini - 4 ottobre 2007

dove… quì?

8. Rosmary - 4 ottobre 2007

UAZ UAZ UAZ …al modo di Cattivik….
anche, perchè no, ma visto che esistevo anche prima di questo Blog, che dici?? 🙂

9. globali - 4 ottobre 2007

Vorrei fare un passo avanti. Se sono vere le voci che attribuiscono 300/400 mila lettori giornaliere del blog di Grillo, siamo in presenza di uno dei più importanti organi di informazione italiani.
Allora si aprono una serie di questioni. Ne cito solo tre: 1) Quali sono i criteri con cui si scelgono le notizie a cui dar risalto e quelle che non compariranno mai sul blog?; 2) Nelle redazioni dei giornali queste scelte vengono discusse e il direttore si assume una responsabilità di fronte alla redazione, che è testimone di quello che è stato censurato: nel caso di Grillo questo testimone non c’è; 3) Siamo sicuri che faccia tutto da solo? E se no, chi sono gli altri, ovvero chi è la sua redazione? Non sarebbe cosa buona e giusta rendere visibili queste persone?
Per chi ha voglia e pazienza, qui sviluppo un po’ più diffusamente l’argomento: http://globali.wordpress.com/2007/10/04/beppe-grillo-publishing-inc/

10. Rosmary - 5 ottobre 2007

Globali se sei tu l’autore di quel Blog o hai 15 anni oppure studia prima di proclamare assurdità!

11. globali - 5 ottobre 2007

Ciao Rosmary. In realtà ho studiato e continuo a farlo. Magari mi insegnano male. Comunque mi piace discuterne: quali sono secondo te le assurdità? Magari mi convinci.

12. Rosmary - 6 ottobre 2007

Laciamo perdere le autoesaltazioni, se ti leggi da solo ti troverai divino… ne abbiamo la rete piena di quel tipo di studiosi, perchè insultare cose e persone che non conosci? Questo non è segno di saggezza ma di ignoranza.
Tu a malapena puoi azzardare qualche idea sul tuo piccolo quotidiano, se poi il tuo giudizio si estende al di sopra del creato, allora ognuno gestisce la sua follia come meglio crede.
Come puoi ironizzare con una mediocre ideologia anche volgare, una scelta di vita non fondata su concetti umani? Il fatto che tu non credi? non ti rende giustificato l’insulto.
Peggio se per sentito dire… e questa ciarlataneria si maschera spesso di saggezza. E’ questo che hai studiato?
Io ti ho risposto nel Blog e considero quei discorsi in particolare retorici, luoghi comuni, parametri fasulli per attirare il consenso dell’homo sapiens, ma nulla di più evoluto. Non sei in grado di giudicare, specie in quel frangente dove non basta leggere e studiare per capire.
E non serve la laurea ad Oxford per carpire la dinamica di una sana educazione, la politica è più umana, evidente e manipolabile, magari su quella ti ci puoi laureare.

13. globali - 6 ottobre 2007

Rosmary, davvero non capisco a che “insulto” tu ti riferisca e quali siano le assurdità. Comunque se non ti va di discuterne, non fa niente.

14. bellissima - 9 ottobre 2007

se si riescono a postare tutti i commenti sul tuo blog, probabilmente è perchè per tua sfortuna non raggiungi gli stessi lettori di Beppe.

Anche se ci provi, utilizzando un altro e pensieri di un altro per avere più letture sul tuo blog…

Ma poi è Grillo che si fa pubblicità.

15. antibeppegrillo - 9 ottobre 2007

Ma io non nè ho voglia, nè possibilità di raggiungere i numeri di Grillo. A me interessa solo uno spazio dove discutere in maniera ragionevole di quanto dice Grillo. Non ho scritto nessun libro da vendere, non faccio pubblicità, non produco DVD.

Semplicemente, postando commenti sul beppegrillo.it , mi ero accorto che finivano nel caos. Scrivendo quì invece innescano discussioni che trovo interessenti.

Bellissima, se vai su http://www.wordpress.com ti accorgi che aprire un Blog è semplice come postare un commento. Io ho semplicemente scelto la seconda strada.

16. globali - 9 ottobre 2007

Appoggio antibeppegrillo. In più, molta gente ha la convinzione che il valore di una persona, di un’iniziativa, di un giornale, di un’idea si misuri in base al successo che ha. E’ un’idea molto “berlusconiana”. Purtroppo sappiamo bene che anche le idee più mostruose sono capaci di aggregare consensi oceanici… L’audience generalmente non è un criterio molto affidabile per giudicare la qualità delle cose…

17. bellissima - 9 ottobre 2007

Beppe vende libri scritti da lui?

1° chi vuole versione stampata paga per la carta, non costa 16 euro come i libri che vanno di moda oggi. altrimenti lo scarichi GRATIS in pdf, e ci sono testimonianze di persone vere, non di Grillo che ha scritto un libro su di lui e ti chiede soldi per comprarlo.
2° Un dvd a quel prezzo lo consideri “fare soldi”? Ma tu sai chi ci vuole dietro ad un dvd per tirarlo fuori? Persone che rirprendono, cassette e telecamente, softwares per videoediting… Forse fare un dvd a 12 euro, o quanto sia, serva più per coprire i costi che per guadagnarci.. se lo vendeva a 30 euro come quelli che compri al supermercato allora potevi parlare di soldi.

3° Beppe Grillo non fa alcuna pubblicità sul suo sito, tutto quello che esiste sul suo blog, è roba sua, e di chi lo ha aiutato.
Tu però la pubblicità te la fai eccome, perchè per avere qualcuno che commenta il tuo blog hai sfruttato l’immagine di una persona che al momento è sulla cresta dell’onda… dandogli contro…

Tu puoi avere anche idee diverse da Grillo, son problemi tuoi e di chi ti sta dietro, ma in questo modo il problema della politica italiana non si risolverà mai, e quel che mi stupisce è che per invidia o antipatia, si preferisce dare contro a qualcuno che ha sfruttato la sua immagine di persona pubblica per aggiustare la situazione, dando voce a problemi SERI che sennò rimanevano nell’ombra per colpa di media e politica. Mentre la gente pensa che Grillo lo faccia per fare soldi. E alla fine per invidia, si da contro qualcosa di buono, e si da una mano alla feccia vera (in questo caso la politica).

E finchè l’Italia continuera a giocare a roma-lazio anche quando ci sono di mezzo gli interessi del Paese, non si risoverà mai nulla.

18. globali - 9 ottobre 2007

Bellissima: Beppe Grillo stesso si accredita come primo contribuente di Genova, 30°in Italia: da qualche parte i soldi li ha fatti.
I link alla sezione di acquisti on line del materiale di Grillo, a casa mia, sono pubblicità. Che c’entra il fatto che li ha scritti lui? Sempre “consigli per gli acquisti” sono.
E poi, non mi ero mica accorto che Grillo aveva aggiustato la situazione in Italia. Che sbadato.
Infine: ma tu pensi che prima di Grillo nessuno a questo mondo si battesse contro questo sistema di cose, contro le ingiustizie italiane e globali, contro lo sfruttamento della precarietà? Forse tu te ne stavi in casa a guardare la televisione, ma io no: io ho passato metà della mia vita a impegnarmi per migliorare, nel mio piccolo, il mondo in cui viviamo, ad aiutare chi è senza diritti ad averne un po’ di più, a sensibilizzare la gente su problematiche come mafia, razzismo, corruzione. E lo faccio tutt’ora. Di certo non sto qui a sentire prediche sull’impegno.
E non mi parlare di invidia: è la stessa argomentazione che usa Berlusconi quando lo attaccano, pensando che tutti ragionino con i suoi parametri valoriali.

19. FIGHISSIMO - 10 ottobre 2007

Bellissima, parliamo di cose serie però adesso! DAMMELA!!!!

20. emabardo - 10 ottobre 2007

sono d’accordo in parte con globali: credo che sia utile avere una visione ragionata su Beppe Grillo, sia nei contenuti, che nei modi. Grillo non è un santo e non ci salverà dalla dannazione politica. Però ci invita COME MOLTI ALTRI, ANCHE SE SONO MOLTO MENO VISIBILI, a ragionare, a informarci per i cazzi nostri. Se questo blog aiuterà in questo, ben venga.

21. nicoletticopiadafailla - 10 ottobre 2007

Credo che sia giunto il momento di avere una visione ragionata su Grillo, sia nei contenuti che nel metodo. Molti lo fanno già, senza TIFARE. Beppe è un artista, che ha utilizzato il blog per promuovere le sue idee e ha utilizzato un modello di business innovativo. probabilmente lui stesso sta sperimentando. Insomma, cerchiamo di prenderlo per quello che è e per quello che dice, cercando di evitare inutili polarizzazioni. Se questo blog nasce per questo scopo, ben venga (sia bene chiaro, poi ognuno può fare quello che vuole)

22. Antigrillo - 10 ottobre 2007

Il Blog Antigrillo nasce per questo.
Mi ero accorto che i commenti su beppegrillo.it erano persi nel caos e non contribuivano a nessuna discussione. Qui invece siamo abbastanza pochi da riuscire a pensare insieme.

Grazie per i molti commenti ragionati!
Grazie ai commentatori capaci di sviluppare temi specifici seguendo un filo logico!

23. Bellissima - 11 ottobre 2007

Beppe Grillo è un comico, e come tale ha fatto soldi comicizzando.
Quando fa uno spettacolo, che parli di politica o di pasta barilla, sempre il comico fa, e lo spazio per fare lo spettacolo si paga, e le persone si pagano. Quindi il biglietto si paga, come è giusto che sia.
La pubblicità a se stessi sul proprio sito è più che ragionevole, se non ti piace quel che dice o vende, semplicemente non ci vai, per pubblicità intendo altre marche, altre società, altri insomma, che ti pagano per mettere il proprio banner su un altro sito. Questa è pubblicità, a casa mia, dove qualcosa di commercio l’ho studiato.

Secondo, fare le cose nel piccolo non serve a nulla, sai perchè? perchè se io faccio del bene a te, tu ringrazi e lì finisce, se tu fai bene a 100 persone ringraziano e lì finisce.. Con la politica che manovra tv, telegiornali e spettacoli televisivi, che coprono la città di pubblicità, che si vendono ovuqnue e ti inquinano la vita (questa è pubblicità ad esempio) il piccolo non serve anulla.
Grillo ha solo dato un megafono alle piccole voci come la tua che dici di aver tirato fuori.
Che dici, meglio urlare tutti insieme o miagolare ognun per conto suo?
Che dici, darà più fastidio l’Italia piena di gente che si lamenta in piazza, o l’Italia che si lamenta davant alla tv in casa?
Io, la tv, ho deciso di non guardarla più da 7 anni a questa parte.
Io, i giornali, ho deciso non comprali più da 7 anni, a questa parte.

Se vogliamo risolvere qualcosa dobbiamo unirci, non schierarci dall’una o dall’altra parte.

Qualsiasi sia il punto di vista sbagliato di Beppe Grillo, sicuramente è più giusto unirsi a lui che accontentarsi della merda che ci sputano addosso i politici.

Probabilmente Beppe Grillo non risolverà niente., ma guarda un pò da quando è uscito lui la merda della politica viene tutta a galla…

Prima, con il tuo piccolo aiuto, quanto hai risolto?

Ho vissuto in Irlanda per un anno, e ti posso vivamente confermare che è molto meglio rimboccarsi le maniche e tirare fuori la voce con Grillo anche se dice cazzate a tuo parere, piuttosto che continuare a regalare la vita ai politici

24. Antigrillo - 11 ottobre 2007

Bellissima, sono d’accordo con te sull’importanza di quanto sta facendo Grillo. Credo che critiche costuttive possano aiutare a migliorare…
In particolare ritengo che Grillo debba valutare con grande attenzione, e non solo con i suoi avvocati, le caratteristiche che dovranno avere le liste civiche che andrà a certificare. Se finisse per contribuire a portare nei comuni e nelle regioni persone negative, sarebbe inevitabilmente giudicato negativemente tutto il movimento che ha creato.

25. globali - 11 ottobre 2007

“Qualsiasi sia il punto di vista sbagliato di Beppe Grillo, sicuramente è più giusto unirsi a lui che accontentarsi della merda che ci sputano addosso i politici.”
Forse però esiste, per chi la vuole seguire, una terza via, una quarta, una quinta, etc. Voglio dire, non esistono solo Grillo da una parte e la “merda” politica dall’altra.

“Probabilmente Beppe Grillo non risolverà niente., ma guarda un pò da quando è uscito lui la merda della politica viene tutta a galla…”
Ma sei proprio sicura?

“Secondo, fare le cose nel piccolo non serve a nulla”
Non sono d’accordo. Per la mia esperienza, è quando migliaia di persone lavorano nel piccolo che qualcosa riesce a sedimentare nella vita di tutti i giorni, nelle esperienze di tante singole persone, nella memoria di ognuno di quelli con cui hai avuto delle relazioni. Il leader che ti “guida” con un microfono o un megafono in mano, rischia invece di lasciarti in realtà privo di voce (perchè parla quasi solo lui), privo di idee (perchè le sue sono migliori) e, alla lunga, privo anche di aspettative (perchè probabilmente anche lui un giorno ti deluderà). E tu te ne tornerai nella tua casa, certo ti sarai sfogata, avrai la sensazione di aver fatto qualcosa di giusto (e certamente lo avrai fatto), ma senza aver lasciato una traccia. Tu non vedi questo rischio?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: